mercoledì 5 agosto 2020

[BLOG TOUR + RECENSIONE] "I capolavori delle impareggiabili penne sororali", Sorelle Brontë


Buon pomeriggio a tutti Readers e ben tornati nel blog con un nuovo evento, oggi io e Beezus vi terremo compagnia con il Blog tour dedicato al nuovo libro in uscita, il 25 Agosto, per Mondadori. 

Il libro in questione è "I capolavori delle impareggiabili penne sororali", volume che ci porterà alla riscoperta dei grandi capolavori delle sorelle Brontë.
In questa tappa noi ci occuperemo di "Jane Eyre" di Charlotte Brontë, parleremo dell'adattamento cinematografico e del romanzo quindi mettetevi comodi e iniziamo...

Ringraziamo come sempre la Mondadori per la copia digitale del libro e per averci permesso di organizzare l'evento!


Titolo: I capolavori delle impareggiabili penne sororali 
Autore: Emily, Chalotte e Anne Brontë
Genere: Classico
Editore: Mondadori
Serie: //
Pagine: 780
Prezzo ebook: 10,99
Prezzo cartaceo: 28,00
Link d'acquisto: https://amzn.to/39YZdJs

Da Cime Tempestose, a Jane Eyre, passando per Agnes Grey, fino ai meno noti L'angelo della tempesta, La Signora di Wildfell Hall e Shirley, le tre sorelle Bronte ci hanno lasciato romanzi immortali , capolavori della narrativa ottocentesca pieni di pathos e emozione, ciascuna con la propria voce. A questi romanzi si aggiungono i sublimi versi nei quali rivive tutto il fascino della natura selvaggia delle brughiere dello Yorkshire, tra distese d'erica, roccia e foschia. Questo volume offre l'occasione per riscoprire tre voci femminili originalissime nel panorama letterario, tra incanto, disperazione, e il desiderio insopprimibile di affermare la propria identità.



adattamento cinematografico

Quando ho scoperto che la Oscar Vault avrebbe pubblicato questa edizione sui tre romanzi più conosciuto delle Brontë ero felicissima. Negli ultimi anni sto cercando di recuperare tutti i classici che finora non ho mai letto e grazie a Mondadori ho una scusa in più per farlo.

Quindi non ho potuto farmi scappare questa occasione e, per questo volume in particolare, non potevo che scegliere Jane Eyre, un film che io ho sempre amato. Non potevo non leggere il libro di un film che vedo e rivedo in continuazione.

I film e le mini serie basate su questo romanzo sono tantissimi e sarebbe impossibile per me parlarvi di tutti gli adattamenti! Quindi mi concentrerò sul film del 2011. Parlarvi della trama penso sia quasi inutile, tutti conosciamo la storia di Jane e della storia d'amore con Edward Rochester.

Il film inizia con Jane Eyre (interpretata da Mia Wasikowska) che scappa da Thornfield Hall. L'attrice mi piace moltissimo e la seguo con piacere anche in altri lavori. e' riuscita a rendere perfettamente il personaggio che dà il nome alla storia e, grazie anche all'attrice che interpreta la piccola Jane durante i flashback, riusciamo ad apprezzare subito questo personaggio.

Edward Rochester (interpretato da Michael Fassbender) è magistrale. Le sue espressioni e i suoi modi di fare rispecchiano molto l'Edward Rochester del libro. 

Lo sapevo che avreste portato del bene nella mia vita. L'ho visto nei vostri occhi, quando vi ho incontrata la prima volta.

I costumi e i dialoghi sono resi molto bene, seppur il regista abbia voluto concentrarsi più sull'aspetto romantico del romanzo, tralasciando molti dettagli sulla vita e i caratteri dei singoli personaggi. Il film infatti è più concentrato sul rapporto tra Jane e Rochester, mettendo in luce il loro amore, la sofferenza della separazione, facendo perdere molto della prima parte del romanzo che è, poi, quella più esplicativa del periodo in cui ci troviamo.

In generale continuo ad amare totalmente il film ma, e dico MA, dopo aver letto il libro non potevo che cambiare idea su molte cose. Quindi ora non vedo l'ora di vedere la mini serie del 2006 diretta da Susanna White che, mi hanno detto, sia la versione adattata meglio.

Voi cosa ne pensate? Quale versione cinematografica preferite del romanzo?

recensione

Iniziare questa recensione non è affatto semplice, come si può descrivere un capolavoro del genere? Quali sono le parole giuste per parlare di questo romanzo? Onestamente non ne ho idea ma spero comunque di riuscirci.

"Jane Eyre" è un’opera che ancora oggi emoziona ed incanta i lettori, e continua ad essere inoltre fonte d’ispirazione nel panorama letterario. Io dal canto mio non avevo mai avuto occasione di poter leggere questo grande classico ma finalmente sono riuscita a depennarlo dalla lista, non so come abbia fatto a non leggerlo prima ma ora sono davvero felice di aver affrontato questa lettura adesso e non prima, quando magari non sarei riuscita ad apprezzarla a pieno.

Prima di proseguire per chi come me non ha mai letto quest'opera facciamo un riepilogo della storia...
«Vi ho detto che sono indipendente, signore, oltre che ricca: sono padrona di me.» «E resterai con me?»
Jane Eyre è un'orfana ed è stata allevata da una zia tutt’altro che amorevole, per poi essere mandata in collegio, dove rimane per otto anni, prima come allieva, poi come maestra.
A causa del suo carattere forte e indipendente, si è guadagnata la fama di ragazzina ribelle durante l’infanzia. Ha diciott’anni decide di lasciare l'opprimente Lowood per cercare lavoro come bambinaia, ma non sa che questa sua scelta darà una svolta alla sua vita. Jane arriva così a Thornfield Hall, dove si occuperà della piccola Adele, la protetta di Mr Rochester, un uomo sui quarant’anni, dall'aspetto duro e autoritario.
Qui Jane scopirà la vera libertà e l'indipendenza che non si è mai godta prima. Ma conoscerà soprattutto l’amore di Mr Rochester. Un amore tormentato e travolgente che però ben presto si rivelerà essere impossibile.
«Ha pensato, credo, che io avessi dimenticato la mia posizione, e la vostra.» «La tua posizione! La tua posizione è nel mio cuore, e guai a quelli che dovessero offenderti, adesso o in seguito. Va’, ora.»
Charlotte Brontë ha inserito in questo romanzo tutto ciò che una lettrice potrebbe desiderare di leggere. C’è amore, passione, differenza di posizione sociale tra i due, c'è mistero, l’impedimento alla loro unione, gelosia, colpi di scena e un finale strappalacrime. Ma sopratutto c'è una protagonista imperfetta e peina di contraddizioni ma che non si può fare a meno di amare: Jane Eyre. Lei è ribelle, trasgressiva, alla perenne ricerca di indipendenza e libertà; è una guerriera e il simbolo dell'emancipazione femminile.

La Brontë è riuscita a dare una straordinaria caratterizzazione alla protagonista ma ciò non toglie comunque spazio ai numerosi personaggi; riesce infatti a dare il degno spessore anche ai personaggi secondari, tra i quali spiccano sicuramente Mr. Rochester e St. John Rivers, capaci entrambi di catturate l'attenzione del lettore. L'autrice delinea in maniera vivida i personaggi, rendendoli complessi con innumerevoli sfaccettature. Lo stile narrativo di Charlotte Brontë è semplicemente incantevole e genuino. Pur essendo un romanzo ottocentesco, la narrazione scorre fluida ed e piena di colpi di scena. Lo stile è decisamente biografico e il fatto che la storia sia raccontata in prima persona da Jane, rende ancora più reale i personaggi e l'intreccio.

"Jane Eyre" è un romanzo perfetto che mi ha soddisfatta sotto tutti i punti di vista: un romanzo che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita!

Ancora una volta la Mondadori, ci regala un libro magnifo da aggiungere alla nostra collezione, un libro arricchito da illustrazioni e alcune delle prime poesie delle sorelle. Insomma Readers non potete lasciarvi sfuggire un capolavoro del genere!

La mia valutazione

Prima di andare vi ricordo di passare da tutte le mie colleghe da cui conoscerete altri interessanti dettagli sul libro, in uscita il 25 Agosto per Mondadori!



A presto,
 &

lunedì 3 agosto 2020

[REVIEW PARTY] Recensione "Monstress. Risveglio", Marjorie Liu & Sana Takeda



Buon pomeriggio Readers, oggi sul blog doppio evento, io e Evil Queen torniamo per parlarvi di "Monstress. Risveglio" di Marjorie Liu e Sana Takeda, fumetto arrivato in Italia grazie a Mondadori! 

Ringraziano come sempre la casa editrice per la copia digitale del fumetto! 

Titolo: Monstress. Risveglio 
Autore: Marjorie Liu, Sana Takeda 
Genere: Fantasy
Editore: Mondadori
Serie: Monstress #1
Pagine: //
Prezzo ebook: //
Prezzo cartaceo: 19,00
Link d'acquisto: https://amzn.to/319MEXv

Maika è una sopravvissuta. La guerra si è presa il suo braccio sinistro. Ora lo spaventoso potere che è in lei vuole prendersi il resto. Tra steampunk e Kaiju, l'acclamata, sontuosa, magnifica rivelazione del fumetto nippo-americano.

Monstress
1. Risveglio
2. Sangue 
3. Rifugio 
4. La prescelta 

L'AUTORE

MARJORIE LIU è avvocato e autrice di diciassette romanzi, bestseller nella classifica del «New York Times». Tra i suoi fumetti X-23, Black Widow, Dark Wolverine e Astonishing X-Men, per il quale è stata candidata a un GLAAD Media Award (Gay & Lesbian Alliance Against Defamation), per l’eccezionale rappresentazione della comunità lesbica, gay, bisessuale e transgender. Tiene inoltre un corso dedicato alla scrittura di fumetti presso il MIT. Vive a Cambridge, MA. 

SANA TAKEDA è un’illustratrice e artista specializzata in fumetti. Nata a Niigata, risiede ora a Tokyo. A vent’anni ha iniziato la carriera come designer per le animazioni 3D presso SEGA, azienda giapponese di videogame, e a venticinque è diventata un’artista freelance, attività che continua a esercitare. Ha lavorato a titoli come X-23 e Ms. Marvel per Marvel Comics, mentre in Giappone è un’illustratrice di giochi di carte collezionabili.

recensione di beezus ed evil queen

Risveglio è il primo volume della serie a fumetti Monstress scritta da Marjorie Liu e disegnata da Sana Takeda, fumetto arrivato in Italia grazie a Mondadori.

Questa è la storia del viaggio di Maika Halfwolf, una giovane arcanica che nasconde dentro di sé un'entità dal potere oscuro. Questo è il racconto del suo intricato viaggio, un viaggio che coglie inizialmente un po' alla sprovvista, ma che con il proseguire della storia diventa sempre più interessante.
Fin dall'inizio, questa è una storia un po' brusca. Senza alcun preavviso ritroviamo la nostra protagonista, Maika Halfwolf, nuda e incatenata e prima dell'avambraccio sinistro. La giovane arcanica sta per essere venduta ad un'asta. Asta che verrà poi interotta da una donna di nome Sophia. Sarà proprio lei poi ad ordinare il trasferimento di Maika e altri "esemplari" di arcanici alla Cumea. La cumea è composta interamente da streghe umane votate alla dea Marium, le Cumee utilizzano gli arcanici per ricavare dalle loro ossa una sostanza curativa chiamata Lilium. 

Dopo queste scene iniziali, assistiamo poi a dei flashback, che ci svelano in parte gli obiettivi di Maika. Lei vuole ottenere delle risposte su cosa si nasconde dentro di lei. Ed è così che apprendiamo che dentro Maika riside un'entità oscura, che si è risvegliata e che fuoriesce dal suo moncherino per nutrirsi. Scopriamo così che il piano di Maika era proprio quello di farsi catturare dalla Cumea per scoprire quali segreti si nascondono nel mostro che abita nel suo corpo e cosa centra sua madre con tutto ciò.
Ad accompagnare la nostra protagonista in questo suo viaggio, c'è Kippa, un’altra piccola arcanica imprigionata anche lei come Maika. Kippa la accompagnerà durante il suo sanguinoso viaggio alla ricerca di risposte. A loro si unirà anche, il Gatto nekomancer Ren Mormorian inviato da Tuya, amica della nostra protagonista, per aiutarla. I tre insieme affronteranno una serie di minacce e pericoli. In molti, cercheranno di fermare Maika – in primis, la Cumaea con la Madre Superiore - ma anche la Corte del Crepuscolo.  Tutti sono interessanti all'entità che si nasconde in lei, il mostro che poi scopriremo essere uno tra i più temibili Antichi Dei.

"Monstress" si è rivelata una lettura davvero ineteressante anche se alquanto complessa. Il continuo destreggiarsi tra fatti passati e presenti, e i numerosi personaggi di diverse razze è stato un po' complicato. Ma di per sè la lettura è stata davvero avvincente, anche se in alcuni punti non mi ha entusiasmata molto. Ad avermi piacevolmente sorpresa, sono le illustrazione meravigliose e pregne di dettagli. I personaggi che più mi hanno colpita sono sicuramente Maika e Kippa, l'una per la sua forza di volontà l'altra per la sua dolcezza e purezza d'animo. Insomma Readers la lettura di questo fumetto mi ha lasciata sì un po' perplessa ma allo stesso tempo mi ha incuriosita parecchio, la trama è davvero intricata ma vi lascierà comunque spiazzati.

Ora passo la parola a Beezus che vi dirà la sua su questo fumetto!


“Monstress” è un fumetto dai toni steampunk. Arrivato in Italia grazie a Mondadori, Monstress mi ha sempre attirato con le sue cover e i suoi colori eleganti e particolari.
“Risveglio”, primo volume di queste graphic novel, è una storia fantasy dove vige il matriarcato, nota che me l’ha fatto apprezzare molto. L’inizio del fumetto è confuso e complesso, non sono riuscita a immergermi completamente nella storia, però questo primo volume ci è servito soprattutto per conoscere meglio il mondo creato dalle autrici, i personaggi principali e secondari e la storia in generale e sono sicura che dal secondo volume in poi sarà più coinvolgente.
Le tavole sono stupende, come per le cover, i disegni all’interno hanno colori scuri ma sgargianti e molto suggestive, minuziosamente dettagliate. 
Dal file pdf forse i colori sono ancora più forti e sono molto curiosa di vedere le stesse tavole su carta, spero che abbiano reso bene i colori. Non sarà stato facile trovare una carta adatta per i colori verde e blu e non vedo l’ora di avere l’opportunità di acquistare i volumi per paragonarli!
Sono riuscita ad apprezzare Maika, la protagonista, nonostante non sia riuscita ad immedesimarmi subito. È una ragazza forte e indipendente, non ha paura di nulla. Non è la tipica protagonista eroina e questo ce la fa amare ancora di più.
Non vedo l’ora di scoprire di più su questa storia e sono molto felice di poter iniziare subito il secondo volume. Se vi piacciono i fumetti dalle storie dark, particolari, con tavole forti e una storia molto articolata, cruda e distintiva.

La nostra valutazione


Prima di salutarvi vi lasciamo il calendario, ricordandovi di passare da tutte le nostre colleghe che partecipano all'evento! 




A presto, 

 & 

[REVIEW PARTY] Recensione "L'ultima gru di carta", Kerry Drewery

Review Party



Buongiorno a tutti Readers, io e Beezus torniamo oggi sul blog con la recensione di "L'ultima gru di carta" di Kerry Drewery, libro edito da Rizzoli. 

Ringraziamo come sempre la casa editrice per la copia del romanzo e per averci permesso di organizzare l'evento! 

Titolo: L'ultima gru di carta 
Autore: Kerry Drewery 
Genere: Narrativa 
Editore: Rizzoli
Serie: //
Pagine: 288
Prezzo ebook: 7,99
Prezzo cartaceo: 15,00
Link d'acquisto: https://amzn.to/3fnkNYX

Hiroshima, 1945. Una storia di sentimenti 
nell’orrore di Hiroshima, un romanzo 
di speranza e amore quando tutto sembra 
perduto.

«Dice un proverbio giapponese: se avrai la pazienza di piegare mille gru di carta, il tuo desiderio si avvererà.»

È una splendida giornata d’estate. Ichiro, che sta per compiere diciotto anni, e il suo amico Hiro si godono una giornata libera dalla mobilitazione per lo sforzo bellico.
Una luce abbagliante accompagna l’esplosione della bomba che cambierà le loro vite e il mondo.Feriti e confusi, i due ragazzi attraversano la città devastata alla ricerca della sorellina di Hiro, Keiko, che si trovava all’asilo.
Quando dopo ore di disperata ricerca finalmente riescono a trovarla, alla gioia di abbracciarla illesa si sostituisce presto la consapevolezza di non essere in grado di portarla davvero in salvo. Hiro è ferito gravemente e Ichiro capisce che deve
cercare aiuto, che da solo non potrà mai farcela. Chiede a Keiko di aspettarlo lì dov’è e in pegno della sua solenne promessa di tornare a prenderla le lascia un origami, una gru di carta. Ma le cose non andranno come sperava...


L'AUTORE

KERRY DREWERY vive nel Lincolnshire, tra la campagna e il mare. Ama correre, andare in bicicletta e nuotare, cosa che fa anche in inverno, nel lago, senza muta. È autrice di romanzi per Giovani Adulti finalisti a numerosi premi, e della provocatoria trilogia Cell -7, tradotta in più di dieci lingue.

NATSKO SEKI è nata a Tokyo e oggi vive a Londra, ma viaggia moltissimo e dai viaggi prende ispirazioni per il suo lavoro. I suoi libri, illustrati di viaggio, per bambini e di architettura, sono comparsi in diverse riviste tra cui il “Financial Times”.

recensione

Readers inizio con il dire che di solito questo non è un genere che leggo molto, detto questo però posso dire di aver trovato assolutamente affascinante questo romanzo, al punto da non riuscire a metterlo giù. Questa è una storia incredibilmente bella e allo stesso tempo straziante. La storia di una promessa...
«Ascolta» mi dice. «Poi giudicami. Odiami o  amami, perdonami o condannami. Ma prima... Ascolta.» Appoggia sullo scaffale una gru di carta perfetta. «E ricorda Sempre.» 
Hiroshima, 1945. 
Ichiro è un adolescente che si sta rilassando con il suo amico Hiro, a casa di quest'ultimo. 
Solo pochi istanti dopo, vi è un lampo in cielo seguito da una forte esplosione. Una bomba atomica, cambierà per sempre le loro vite. 

Ichiro e Hiro, sopravvivono all'esplosione, anche se riportano alcune ferite. Il primo pensiero di Hiro è quello di raggiungere la sua sorellina Keiko, che si trovava all'asilo. I due ragazzi iniziano così la loro ricerca. Dopo ore riescono a ritrovarla ma le cose sono molto più complicate del previsto. Hiro è gravemente ferito e Ichiro sa che se vuole salvarlo, deve andare in cerca di soccorsi. Sa che da solo non potrà mai farcela. 

Ichiro, decide così di andare in cerca d'aiuto e chiede a Keiko di aspettarlo, le promette che tornerà a riprenderla e in segno della sua promessa le lascia una gru di carta. Ma le cose non andranno proprio come aveva sperato. Una volta tornato indietro, Ichiro, non troverà più Keiko.
«C’è magia nei libri» mi sussurrò all’orecchio. Ma appena alzai gli occhi verso i suoi si allontanò. «Se vuoi, lega insieme i dorsi dei volumi con il nastro adesivo» disse voltandosi a guardarmi da sopra la spalla. «Sarebbe un vero peccato se ti perdessi la fine.» 
Giappone, 2018.
A quasi settant'anni di distanza Ichiro è ancora devastato per non essere riuscito a mantenere la sua promessa. Sente di aver deluso il suo migliore amico, di aver tradito la sua fiducia. Si è portato dentro questo segreto per molti anni. Ma ora è pronto a condividerlo con sua nipote Mizuki. Appresa la storia, Mizuki deciderà di aiutare suo nonno...

Non andrò oltre, perché è giusto che scoprirete da voi come finisce questa straordinaria storia.
«Un simbolo di riconoscenza e memoria. O forse di speranza.» 
"L'ultima gru di carta" è una storia straziante e commovente, una storia che come ho detto si dissocia un po' dalle mie solite letture ma che sono molto felice di aver letto. Questa storia mi ha colpita davvero molto, è stata una continua ondata di emozioni. Molte sono state le scene strazianti, ma ognuna di quelle scene ha lasciato un'impronta che difficilmente sbiadirà.

Ho apprezzato molto lo stile di scrittura dell'autore, ha reso la lettura fluida e scorrevole tanto che ho finito il libro in un pomeriggio. 
Altre cose che ho apprezzato molto sono la copertina, che ritengo rappresenti molto la storia e le varie illustrazioni presenti nel romanzo.

Questo libro apre una porta su quello che è successo a Hiroshima nel 1945, ci mostra che impatto la guerra ha avuto sulla vita delle persone, di come la crudeltà umana a volte non abbia limiti. Ma allo stesso tempo questo libro vuole essere un messaggio di speranza, di compassione. Una storia di vera amicizia e sacrificio. Una storia che merita di essere raccontata anche alle future generazioni.

Insomma Readers ho apprezzato ogni singolo aspetto di questa storia e ho adorato il finale, quindi non mi resta che suggerirvi assolutamente la lettura di questo romanzo perché vi commuoverà sicuramente! 

Ora cedo la parola a Beezus che vi dirà la sua su questo romanzo!



Bene Readers, dopo Evil Queen tocca a me parlarvi di “L’ultima Gru di carta” e per me non è molto semplice. 
Non ho mai fatto mistero del mio amore per l’Asia e fin da bambina sono innamorata del Giappone (anche grazie agli anime che ho sempre visto). Ultimamente il mio amore è cresciuto a dismisura, da quando ho iniziato a vedere non solo anime - e leggere manga - ma anche drama...

Sarà un po’ per questo amore malato o per il semplice fatto che io adoro la storia e mi sono sempre informata a riguardo...ma non potevo farmi sfuggire l’occasione di leggere questo romanzo. E già dalle note dell’autrice ho capito che questo libro sarebbe stato nella top 10 delle letture del 2020:
La paura non appartiene a una determinata decade, tipo di persona, Paese o cultura. E neppure il senso di colpa. O l’amore. L’ultima gru di carta parla di tutte queste cose.

Il volere dell’autrice ha fatto sì che mi innamorassi del suo romanzo anche prima di iniziarlo effettivamente. 

Ma veniamo a noi: Giappone, 2018. È qui che inizia la nostra storia. Mizuki è pronta a leggere nuove storie, grata al nonno per avergliele sempre lette fin da bambina. Ora, che è cresciuta, continuano a scambiarsi libri, anche se non è più lui a leggergliele. 

Ichiro, nonno di Mizuki, non ha mai raccontato a nessuno la sua storia e ciò che accadde nel lontano 1945. Se ne vergogna, forse. È un rimpianto, un peso troppo grande per portarlo da solo. E da quando sua moglie è morta che sente quel peso tutto sulle sue spalle. Ma Mizuki, la sua nipotina, è giovane e ama le sue storie...ed è così che decide di raccontargliele. Per non portare il peso da solo, per non dimenticare...per non dimenticare mai quello che è stato.

Agosto, 1945. Un giovane Ichiro è a casa del suo migliore amico Hiro quando una bomba esplode a Hiroshima distruggendo tutto ciò che i due conoscevano.

Quando i due amici riescono a ricongiungersi, con ferite gravi e ustioni, decidono di andare a cercare Keiko, la sorellina di Hiro che era all’asilo quando la bomba è scoppiata. Quando riescono a trovarla sanno che devono salvarsi in qualsiasi modo, devono pensare a se stessi e ignorare tutte le altre persone che, intorno a loro, soffrono. 

Arrivati finalmente al fiume, pensano che tutto andrà solo per il meglio...invece è proprio qui che inizia l’inferno.
Credevo che le storie, come le vite, fossero linee rette. Sbagliavo. Sono cerchi dentro altri cerchi. Che si sovrappongono, si fondono insieme. Si espandono attraverso la vita. Ma più spesso svaniscono dalla memoria. 

Lo stile narrativo dell’autrice è unico e molto interessante. Non avevo mai letto un romanzo così e, sin dalla prima pagina, è riuscito ad emozionarmi, a commuovermi e farmi piangere.

La storia di “L’ultima gru di carta” non è semplice e neanche leggera. Al contrario. Fin da subito verrete immersi nelle atrocità di ciò che accadde più di 70 anni fa. La fame, la sete, la paura, il dolore...tutte cose che, ad oggi, non prova quasi più nessuno. 

È un romanzo che ha a che fare sì con Hiroshima, ma anche con le storie e il non dimenticare mai ciò che successe. Una storia che ci ricorda che ci fu un vero massacro dietro al massacro. La seconda guerra mondiale fu una vera e propria catastrofe ma molto spesso ci si nasconde dietro un dito, non dovremmo ricordare solo l’olocausto, ma anche tutti gli altri morti. Che fossero dalla parte dei giusti o meno. 

E questo romanzo è perfetto sotto ogni punto di vista. È un libro per non dimenticare, è un libro che insegna, che commuove, che ti entra dentro nella pelle e non ne esce più. 

Con la sua prosa riesce a tenerti incollato alle pagine e persino le illustrazioni riescono a farti immaginare l’orribile destino che l’uomo, con quella guerra, ha creato per l’essere umano.
Persone dappertutto, in piedi, sedute, sdraiate, accovacciate. Sul pavimento. Sulla paglia. Sulle stuoie tatami. Ammassati. «Dove posso trovare un dottore?» grido. «Per favore...la mia amica...ha bisogno di aiuto. Sta morendo.» «Non stiamo morendo tutti?» gracchia una voce ai miei piedi. 
 Una guerra a mio parere inutile, che l’uomo non è riuscito a fermare in tempo. Una guerra che ha cambiato per sempre le sorti della vita umana.

Insomma readers, quando ho iniziato questo romanzo non avevo ancora capito in cosa stavo andando incontro. Un romanzo con una prosa sublime, dalla storia profonda e un’ambientazione agghiacciante. E anche se sappiamo fin dalla trama che non è un romanzo leggero, da leggere solo per passare il tempo ma per imparare ad ascoltare, non vi troverete mai abbastanza pronti a ciò che leggerete.

Non leggevo un romanzo del genere dai tempi di “Il profumo delle foglie di limone” e sono rimasta ammaliata per l’ennesima volta da questo genere. 

Consiglio la lettura di questo romanzo a chi ha letto e amato il libro sopra citato, a chi ama la storia ma anche, e soprattutto, a chi ama le storie di amicizia, a chi ama ascoltare e a chi, come me, ha sempre avuto la voglia di non dimenticare mai quell’orrore. 

Anzi, sapete una cosa? Io questo romanzo lo consiglio a tutti perché, ad oggi, ricordare è diventato di fondamentale importanza.

La nostra valutazione

A presto, 

&

sabato 1 agosto 2020

[REVIEW TOUR ] Recensione "Il colpo di fulmine non esiste", Carlo Lanna

Review Tour 



Buon pomeriggio a tutti Readers, come promesso qualche giorno fa, nella tappa del blog tour dedicato al romanzo "Il colpo di fulmine non esiste" di Carlo Lanna, torno sul blog per parlarvi di questo nuovo libro edito dalla Words Edizioni!

Ho apprezzato davvero tanto questo romanzo e non vedevo l'ora di potervene parlare, curiosi di scoprire cosa ne penso? 

Ringrazio come sempre la casa editrice per la copia digitale del romanzo! 


Titolo: Il colpo di fulmine non esiste 
Autore: Carlo Lanna 
Genere: Romance M/M
Editore: Words Edizioni 
Serie: NY Lovers Series #1
Pagine: //
Prezzo ebook: 2,99
Prezzo cartaceo: 13,90
Link d'acquisto: https://amzn.to/3k1eP3u

Tyler è un giornalista deluso dalla vita, con un passato tormentato da dimenticare e in cerca del suo posto nel mondo. Glen è in fuga da se stesso e sogna di diventare uno scrittore. In una fredda sera di gennaio, quasi per caso il destino lega indissolubilmente le loro anime. A volte, però, l’amore non basta e serve coraggio per affrontare le insidie della vita. In una New York magica e caotica, Tyler e Glen si amano, si odiano, si perdono e si ritrovano in un dedalo di grandi emozioni.

"Il colpo di fulmine non esiste" è una toccante storia sull’amore queer, i sogni e le seconde possibilità della vita.


L'AUTORE

Carlo Lanna è nato a Caserta trentacinque anni fa. Di professione è giornalista di spettacolo e collabora per IlGiornale.it e per un magazine a tematica LGBT. È laureato in Legge e in Scienze della Comunicazione. Divora film e serie tv di tutti i tipi fin dall’adolescenza e ama follemente le saghe urban-fantasy e i dark romance. La scrittura è nel suo DNA, ma solamente quattro anni fa è tornato a picchiettare le dita sulla tastiera e navigare con la fantasia, dopo un lunghissimo periodo di silenzio. Ha pubblicato svariati racconti brevi su diverse antologie. Scegli il nostro destino (Gilgamesh Edizioni) è il suo romanzo d’esordio pubblicato nel luglio del 2019. 


recensione
Cosa vuoi fare da grande? Una domanda del genere era consuetudine per i miei coetanei. Tutti avevano la risposta pronta. Tutti tranne me. Volevo sembrare una persona fuori dal coro, che non aveva paura del proprio futuro, tantomeno aveva timore di affrontare il mondo degli adulti. In realtà, nascondevo la testa sotto la sabbia, evitavo di combattere contro i miei demoni perché, sostanzialmente, non sapevo cosa fare della mia vita, non sapevo cosa fare del mio domani.
Readers ho avuto il piacere in questi giorno di leggere il nuovo romanzo di Carlo Lanna "Il colpo di fulmine non esiste" e oggi finalmente sono qui per parlarvene. Tempo fa, avevo già avuto modo di leggere il primo romanzo di questo autore e lo avevo trovato davvero interessante, ho letto anche il suo racconto "Il mio surfista" e anche qui avevo apprezzato molto la sua scrittura. Quindi, quando sono venuta a conoscenza di questo suo nuovo romanzo mi sono detta che avrei dovuto assolutamente leggerlo. Proprio come i suoi precedenti lavori anche questo mi ha incuriosita fin da subito, ed è chiaro che in questo nuovo romanzo ci sia stato un netto miglioramento da parte dell'autore.

Ma prima di proseguire lasciate che vi racconti un po' la storia dei nostri protagonisti: Glen e Tyler.
La città di New York era un mare in tempesta, e io lo ero insieme a lei.
Conseguito il diploma, Glen, decide di trasferirsi a New York per inseguire il suo più grande sogno: diventare uno scrittore. Ha distanza di cinque anni, Glen non è ancora riuscito a realizzarlo. Non ha ancora scritto nessun romanzo e per potersi mantenere lavora come cameriere in un diner. Nonostante non sia riuscito ancora nel suo intendo, Glen non vuole però arrendersi; vuole infatti, continuare sulla strada che ha scelto e raggiungere il suo obiettivo. 
Mi ero immaginato un lavoro diverso, il salto di qualità che, alla soglia dei trent’anni, stavo aspettando. Invece, ero finito a scrivere articoli di gossip. La cosa che più odiavo al mondo. 
Tyler è ormai alla soglia dei trent'anni, è insoddisfatto della sua vita e in particolar modo dal suo lavoro.
Un anno prima è stato tradito dal suo ex, che ha rivelato di non amarlo più, e questa ferita non si è ancora rimarginata. Il suo lavoro come giornalista freelance, gli impegna davvero un’infinità di tempo e certo non guadagna una fortuna. 

Insomma entrambi sono insoddisfatti e incerti della loro vita. A cambiare le cose, però, sarà un loro incontro.Convinti a partecipare ad un’inaugurazione, Glen e Tyler si incontreranno. Chiamatelo destino o fato, ma non appena i due si incontrano tra loro scatta subito qualcosa, quella cosa in cui loro non credono: un colpo di fulmine.
Era passata una settimana da quella notte che io e lui avevamo condiviso al Carlton. Una notte di passione, sì, ma anche di scoperte, rivelazioni, di grandi passi avanti. In un sussurro gli avevo detto che era il mio ragazzo, che non stavamo scherzando ed era arrivato il momento di fare sul serio. Era cambiato tutto in poco tempo e non c’era modo di farci rimanere distanti l’uno dall’altro.
L’attrazione fra loro è tanta, e ben presto si ritroveranno nell’appartamento di Glen.
Da quel momento in poi Tyler e Glen inizieranno a passare del tempo insieme, parleranno, si avvicineranno l’uno all’altro. E quella che sembrava una semplice attrazione, ai loro occhi, si trasformerà in un sentimento profondo.
Ma proprio quando sembra che abbiano trovato un po’ di felicità, qualcosa dal passato di Tyler torna a bussare alla sua porta.
Cosa succederà fra Tyler e Glen? Riusciranno a raggiungere la tanto agognata serenità?
Se volete scoprirlo, correte ad acquistare questo romanzo!

"Il colpo di fulmine non esiste" è una storia d'amore travagliata ma passionale. Con questo romanzo l'autore ci mostra come a volte l’amore non basti. A volte bisogna farsi coraggio e affrontare le insidie della vita.Ed è questo che succede ai nostri protagonisti, per raggiungere il loro lieto fine dovranno prima perdersi per poi ritrovarsi. Sia Tyler che Glen sono descritti in maniera impeccabile, entrambi devono affrontare delle scelte e non sempre magari sono stata d'accordo con loro ma non per questo li ho trovati meno interessanti. Ho apprezzato in particolar modo Glen, che nonostante a causa di Tyler soffre un po' sia comunque disposto a lottare per la loro storia. Tyler dopo la sua rottura ha paura di fidarsi ma ciò non giustifica i suoi comportamenti nei confronti di Glen, e per questo non sono ruscita ad entrare completamente in sintonia con lui. Ho apprezzato molto, invece, il personaggio di Oliver amico di Tyler. Un personaggio che invece ho trovato molto fastidioso è l'ex di Tyler, avrei tanto voluto evitarlo. Devo dire che ancora una volta Carlo Lanna mi ha stupita, come già accennato su ho trovato questo libro nettamente più maturo dei precedenti, l'autore descrive in modo sublime ogni singola scena. Con la sua scrittura leggera e scorrevole, è riuscito a creare un romanzo stupendo che parla d'amore e seconde possibiltà. La storia di due uomini, Tyler e Glen, che in una magica New York vivono il loro colpo di fulmine, amandosi, odiandosi e infine ritrovandosi perchè l'amore che li lega è profondo.

La mia valutazione

½

A presto, 

[COVER REVEAL] "Chiedimi di restare", Manuela Ricci

Cover Reveal 


Buongiorno a tutti Readers e ben tornati nel blog con un nuovo Cover Reveal! 
Vi presentiamo oggi il nuovo romanzo di Manuela Ricci "Chiedimi di restare", in uscita il 15 Agosto! 
Curiosi di scoprire questo nuovo romanzo? 

Titolo: Chiedimi di restare 
Autore: Manuela Ricci 
Genere: Sport Romance 
Editore: Self Publishing 
Serie: The Tigers Series #1
Pagine: //
Prezzo ebook: 2,99
Prezzo cartaceo: 12,50
Link d'acquisto: https://amzn.to/3hVW3Jc


Cosa può esserci peggio di tua madre che sposa l'allenatore dei Tigers di Princeton?
I suoi 3 figli.

Harley si trova completamente catapultata in una nuova realtà, quando la madre, da un giorno all'altro le annuncia le sue imminente nozze.
Dopo una settimana, si trova costretta a trasferirsi a casa del signor Walker, ignara di dover condividere lo stesso tetto con i suoi tre figli: Nathan, Neil e Nowell, il maggiore, il quale, ai suoi occhi non è di certo un estranio.
No, perché Nowel è lo stesso ragazzo che le ha rubato il cuore, i sogni e non solo.
È l'errore più grande che Harley potesse commettere e adesso, è costretta a condividere con lui lo stesso tetto.
Con la sola persona che non avrebbe mai e poi mai voluto ritrovarsi sul suo cammino.
Nowell non può credere di trovarsi di fronte proprio lei, il frutto di una scommessa di una notte.
Un'altra bambola da aggiungere alla sua macraba lista, insieme a tutti i suoi più oscuri segreti.
E l'idea che possa girargli attorno lo stuzzica quanto lo fa infuriare.
Ovviamente, tutti e tre i fratelli non sono affatto contenti del suo arrivo e il suo carattere schivo e riservato finisce semplicemente per renderla un facile bersaglio.
Ma un giorno succede qualcosa che spinge Nowell ad avvicinarsi di più ad Harley.
A voler scoprire quel suo mondo che sembra aver rinchiuso in scomparti stagni.
Tra i due nasce un'attrazione quasi incontrollabile, bisognosa e urgente.
Solo, che più le loro esistenze entrano in collisione, più il pericolo sembra essere un'ombra che li perseguita e il segreto che Nowel tiene nascosto da sempre rischia di essere svelato travolgendo ogni cosa.


estratto



La trama vi ha incuriosito? 
Avete già letto qualcosa di questa autrice? 
Io sono molto curiosa di poter leggere questo nuovo romanzo. 
E voi cosa ne pensate? 
Fatemi sapere i vostri pareri! 

A presto,