mercoledì 18 aprile 2018

[RAINBOW BOOK CLUB] Discussione parti 11-12 "Magic", V.E. Schwab


Buon giorno a tutti lettori e ben tornati nel blog con la discussione delle parti 11 e 12 del libro in lettura con il Rainbow Book Club! Chiedo scusa per il ritardo, dato che il post doveva uscire ieri, ma come un'imbranata pensavo di dover parlare delle parti 9 e 10 quindi ieri mi sono recuperata le due parti di cui dovevo realmente discutere con voi!

E' arrivato il tempo di festeggiare il compleanno del principe Rhy per i nostri protagonisti ma non tutto va' secondo i piani. 
Lila, grazie ad una commerciante gentile e con la memoria lunga, riesce a trovare un abito e una maschera per il ballo e, nel frattempo, Kell si risveglia nella stanza di Rhy dopo essere stato drogato e ammanettato.

Mentre Lila si presenta a corte Kell capisce che Rhy, suo fratello, è stato posseduto da Astrid Dane. Lila riesce a trovare Kell grazie alla pietra e, per riaverla, affonda il coltello nel suo petto, ancora nel corpo di Rhy.

Per salvare sé stesso, Rhy e Lila, Kell apre la porta per portarli al Santuario, sperando che la magia sia abbastanza forte per far passare tutti e tre.

Immagine correlataArrivati nella vecchia stanza nel santuario di Kell, per salvare la vita di Rhy, il nostro Antari, con l'aiuto della pietra, vincola la sua vita a quella di suo fratello e riesce a salvarlo. Grazie al maestro Tieren, poi, riesce a trovare un posto sicuro per Rhy, tenendolo tra le mura del Santuario.

Kell decide di andare a Londra Rossa e Lila decide di seguirlo. In un piccolo momento dedicato a Lila scopriamo, grazie a Maestro Tieren che in Lila c'è la magia, che deve solo risvegliarla e che la ragazza ha un occhio di vetro, che non ricorda quando l'ha perso. 

Per arrivare a Londra Rossa Kell deve aprire una porta al di fuori del Santuario e mentre stanno attraversando Holland trattiene Kell. Lila da una parte e Kell dall'altra combattono entrambi per la propria vita e quando Kell, vincitore della sua battaglia con Holland, raggiunge finalmente Lila, riesce a salvarla portandosi dietro persino un Holland senza sensi. 

Sto amando tantissimo questo romanzo e spero vivamente che in realtà Lila sia un Antari proprio come Kell e che, alle fine, loro due riescano ad avvicinarsi. Amo troppo i loro momenti insieme e sono molto curiosa di come andrà avanti il loro rapporto.

Ma cosa accadrà a Kell, ora che la magia nera della pietra fa parte di lui? Restate con noi per scoprirlo!


A presto,


sabato 10 marzo 2018

[RAINBOW BOOK CLUB] Discussione capitoli 11-20 "Le assaggiatrici", Rossella Postorino

L'immagine può contenere: 1 persona, sMS

Buon pomeriggio a tutti readers e ben tornati nel blog! Oggi sono qui per discutere dei nuovi capitoli del libro scelto dal gruppo di lettura!

Mi scuso anche qui per i due giorni di ritardo ma purtroppo la febbre mi ha totalmente estraniata dal mondo e ho dovuto per forza di cose rimandare.

Dove eravamo rimasti?

E' dicembre e Gregor sta per tornare a casa per Natale come aveva annunciato nella sua lettera. Erano tutti più felici, Rosa, Herta e Joseph. Il giorno della vigilia uccisero persino un gallo per cucinarlo in onore di Gregor...lo stesso giorno però arrivò una lettera di Gregor dove diceva che era in ospedale e non sarebbe potuto tornare per Natale. 

I tre erano comunque tranquilli perché, se aveva avuto la forz di scrivergli allora stava bene. Purtroppo però due mesi e mezzo dopo ricevettero un'altra lettera. Una di quelle che non avrebbero mai voluto ricevere: Gregor era disperso, disperso in Russia. 

Di qui in poi Rosa smette praticamente di vivere, vive come un'automa, come se si guardasse dal di fuori vivere una vita non sua. 

Si può smettere di esistere anche da vivi.
 Rosa non viveva più ma il mondo intorno a lei andava avanti. Heike rimase incinta, un nuovo tenente arrivò in caserma.
Pian piano Rosa sembra riprendersi, aiuta Heike tenendole i bambini quando va ad abortire e decide, anzi è quasi costretta, ad andare alla festa della baronessa dove è stata invitata e dove trova il nuovo tenente, Ziegler, parlare con il barone.

Da quel giorno Ziegler si fece vedere ogni notte davanti la sua finestra e con Rosa si fissano nel buio. Lei non racconta comunque ciò che succede alle sue amiche e colleghe e così "fece di nuovo una lista delle colpe e dei segreti" prima di dormire.

Il libro è interessante, scritto molto bene. Da brava studentessa di storia adoro i riferimenti storici, adoro che sia ambientato durante la seconda guerra mondiale e credo che la scrittrice sia stata molto brava ad amalgamare la storia.

Voi state leggendo il romanzo insieme a noi? Lo avete già letto?
Per non perdervi nessun post sulla lettura di Marzo vi ricordo di iscrivervi al gruppo facebook QUI

Vi aspettiamo!

lunedì 5 marzo 2018

Intervista a Francesco Leo

Buongiorno a tutti Readers e ben tornati nel blog con un nuovo post!
Iniziamo la giornata al meglio con l'intervista fatta a Francesco Leo, autore della trilogia de "Il Ciclo della Rinascita".


Viktor

Regno di Mirthya, Ciclo dell'Oblio.

Le otto divinità, detentrici del potere degli elementi, crearono il mondo e le razze per condividere con loro la vita. Il tradimento di una di queste peró, scatena una guerra che coinvolge ogni essere vivente. È un periodo storico incerto per il mondo. Dopo l'estinzione dei nani e la battaglia che ha coinvolto gli dei creatori, elfi e uomini sono tornati a vivere una vita tranquilla. Le paure, tuttavia, non sono svanite.

Secoli dopo, un'antica profezia preannuncia l'avvento di un eletto che dovrà risanare l'equilibrio del pianeta, minacciato da un male che si pensava dimenticato. Speranze e timori si mescolano nel cuore di ogni creatura, mentre il destino di un giovane ragazzo verrà segnato per sempre.

Primo libro della trilogia epic fantasy "Il Ciclo della Rinascita", "Viktor" rappresenta l'esordio di Francesco Leo, autore che ha come obiettivo quello di mantenere alti valori importanti quali amore, amicizia e sacrificio attraverso un viaggio immaginario e coinvolgente.

Link d'acquisto: http://amzn.to/2DPpyws



Nithràl


Il viaggio dell'eletto è iniziato e in molti si sono uniti alla sua causa.
Grazie alla guida dell'Organizzazione della Stella, Viktor ha appreso i fondamentali del combattimento e ha consacrato la propria vita alla missione affidatagli dagli Dèi. Tutto, però, sta per cambiare.
Molto è stato perduto lungo la via, e altro ancora sta per essere stravolto.
Le promesse s'infrangono, e verità celate vengono dischiuse. Il passato si fonde al presente, mentre ogni certezza svanisce.
Il mondo trema, e i popoli di Mirthya vengono chiamati a combattere sotto un unico stendardo.









Link d'acquisto: http://amzn.to/2EqPkUS




Innanzitutto Francesco ti do il benvenuto nel blog! 
Sono molto contenta che tu ci segua e che abbia accettato di fare questa intervista!

Iniziamo con la solita domanda di rito…


1.      Quando hai cominciato a scrivere?

Avevo sei anni. Ho iniziato inventando e scrivendo parole associandole a delle formule magiche. La fantasia ha sempre fatto parte di me.

2.      Com'è nata l'idea del romanzo e cosa ti ha spinto a pubblicarlo?
Avevo già scritto qualcosa prima di cimentarmi nel primo romanzo della trilogia de 'Il Ciclo della Rinascita'. L'idea mantiene come base quella di una trama pensata per un videogioco sviluppato tra i sedici e i diciannove anni. Ovviamente, il tutto è stato rivisto e arricchito.
La pubblicazione è arrivata dopo, e in fase di stesura non avrei mai pensato di arrivarvi. Il pensiero di poter condividere con gli altri qualcosa di mio mi attirava: sono sempre stato d'indole molto introversa, e questo era un buon modo per muovere i primi passi affinché uscissi dal guscio in cui ero intrappolato.

3.      Hai trovato qualche difficoltà nella stesura del tuo romanzo? E nella promozione?

Niente di difficoltoso in particolare. Qualche periodo di fermo, forse, ma non per blocchi specifici. Semplicemente, dei momenti ero più favorevole alla scrittura e altri no.
Immagino sia normale, e capita anche ora. Ci sono giorni in cui preferisco continuare la stesura di un romanzo e altri in cui prediligo pianificare strategie di promozione. Per quest'ultima, è stato necessario fare un'accurata ricerca di tutti i mezzi possibili per arrivare agli utenti; e da qui mi sono aperto vie verso eventi live, radio e televisioni.
Emergere resta sempre difficoltoso per i vasti pesci che sguazzano nei mari dell'editoria. L'impegno è necessario non tanto per trovare spazio di promozione, ma per fare la differenza.

4.      In questo momento stai lavorando ad un nuovo romanzo?
La trilogia de 'Il Ciclo della Rinascita' è conclusa, e ad Aprile uscirà il terzo volume.
Al momento sono in fase di lettura post-editing di un nuovo romanzo autoconclusivo e la stesura di un altro ancora: sono decisamente più avanti rispetto alle pubblicazioni, lo so. Purtroppo non riesco a fermarmi!

5.      Hai mai presentato il tuo romanzo a degli eventi letterari o hai intenzione di farlo in futuro?
Già fatto e spero di continuare a farlo. Ho partecipato a eventi dal vivo in presentazioni, interviste radiofoniche e televisive. Avere a che fare col pubblico è importante per far conoscere se stessi, il proprio pensiero e le opere personali, oltre che a instaurare un legame più saldo con chi mi segue, scambiare opinioni e discutere sui temi più disparati.

6.      Che tipo di scrittore sei? 
Ti piace scrivere di getto le tue idee o preferisci fare delle scalette ed organizzarti il lavoro?

Annoto le idee che mi vengono di getto, poi le amalgamo alla trama che sto costruendo e tendo a sviluppare il tutto. Di solito, appunto su un block-notes tutte le fasi salienti di un romanzo, suddividendole poi in capitoli e soffermandomi su ognuno di questi per elaborarli al meglio.
Nel momento in cui inizia la stesura, già so come inizia a finisce tutto: le vicende sono tutte appuntate e pronte per essere sviluppate al pc. Qualche volta, però, mi è capitato di aver inserito elementi in corso di scrittura o di aver modificato delle parti.


7.      Durante il percorso che hai affrontato per arrivare alla pubblicazione hai trovato difficoltà? Quali ricordi hai di questo percorso?
Le difficoltà sono state approcciare a tutto il contorno di questo mondo: trovare un editor, un grafico e qualcuno che ti spiegasse tutto. Al momento della prima pubblicazione ero certamente più inesperto, tuttavia non ricordo crucci particolari per ricercare una casa editrice.
Al contrario, col prossimo libro penso che impiegherò un po' di più. Ora che so come funziona so quali parametri prendere di mira quando valuto un editore, per cui la scelta sarà più elitaria.

8.      C'è qualcosa che cerchi di ottenere dalla scrittura? E, se si, perché scrivi?
Per lo più è uno sfogo creativo, che associo alla volontà di divulgare il mio pensiero e offrire spunti di riflessione. Come dico sempre, uno scrittore dovrebbe cercare di insegnare oltre che intrattenere, e lasciare qualcosa di tangibile al lettore. Qualcosa che renda indelebile la storia vissuta tra le mie pagine.

9.      Quando hai scritto ti sei ispirato a qualcuno?
Immagino che ognuno di noi prenda come riferimento gli autori che più ci colpiscono, e anche senza volerlo il condizionamento risulta involontario e quasi obbligato. Nella mia trilogia, ad esempio, si sente con più forza di altre l'impronta di Christopher Paolini, autore della saga di 'Eragon'.


Ti ringrazio tantissimo per aver risposto a queste domande, spero di poter leggere presto qualcosa di tuo!

A presto,


lunedì 26 febbraio 2018

Segnalazione trilogia de "Il Ciclo della Rinascita"

Buon pomeriggio Readers e ben tornati nel blog con una nuova segnalazione, oggi vi presentiamo la trilogia de "Il Ciclo della Rinascita"!


Titolo: Viktor

Autore: Francesco Leo

Genere: Fantasy

Editore: Paguro

Prezzo eBook € 1,99  

Link d'acquisto: http://amzn.to/2ooq6jb




Regno di Mirthya, Ciclo dell'Oblio.

Le otto divinità, detentrici del potere degli elementi, crearono il mondo e le razze per condividere con loro la vita. Il tradimento di una di queste peró, scatena una guerra che coinvolge ogni essere vivente. È un periodo storico incerto per il mondo. Dopo l'estinzione dei nani e la battaglia che ha coinvolto gli dei creatori, elfi e uomini sono tornati a vivere una vita tranquilla. Le paure, tuttavia, non sono svanite.

Secoli dopo, un'antica profezia preannuncia l'avvento di un eletto che dovrà risanare l'equilibrio del pianeta, minacciato da un male che si pensava dimenticato. Speranze e timori si mescolano nel cuore di ogni creatura, mentre il destino di un giovane ragazzo verrà segnato per sempre.

Primo libro della trilogia epic fantasy "Il Ciclo della Rinascita", "Viktor" rappresenta l'esordio di Francesco Leo, autore che ha come obiettivo quello di mantenere alti valori importanti quali amore, amicizia e sacrificio attraverso un viaggio immaginario e coinvolgente.



Gli occhi di Viktor si inumidirono e lo abbracciò. Avvertì una tale forza sprigionarsi dentro di sé che gli avrebbe permesso di inveire con­tro il mondo. «Ti voglio bene», gli disse.
«Promettimi che farai il possibile per tor­nare. Promettimi che non ti arrenderai e cercherai sempre la forza di conti­nuare, perché non esiste muro che non possa essere abbat­tuto. L'ho im­parato in una vita, e vo­glio che anche tu lo sappia. Abbi sempre la for­za di sostenerti con le tue gambe e rammenta che la volontà può far arrivare gli uomini più lonta­no di dove l'ambizione li lascia ca­dere.

 BOOKTRAILER PRIMO VOLUME (Viktor):  https://www.youtube.com/watch?v=_k5vsEo3GcA&t=27s




Titolo: Nithràl

Autore: Francesco Leo

Genere: Fantasy

Editore: Paguro

Prezzo eBook  € 2,99 

Link d'acquisto: http://amzn.to/2EqPkUS





Il viaggio dell'eletto è iniziato e in molti si sono uniti alla sua causa.
Grazie alla guida dell'Organizzazione della Stella, Viktor ha appreso i fondamentali del combattimento e ha consacrato la propria vita alla missione affidatagli dagli Dèi. Tutto, però, sta per cambiare.
Molto è stato perduto lungo la via, e altro ancora sta per essere stravolto.
Le promesse s'infrangono, e verità celate vengono dischiuse. Il passato si fonde al presente, mentre ogni certezza svanisce.
Il mondo trema, e i popoli di Mirthya vengono chiamati a combattere sotto un unico stendardo.



Il negromante sorrise, poi arrestò la corsa di Amir
bloccandola con lunghi fili di energia oscura.
Si avvicinò a lei e le accarezzò il volto.
Sentì le lacrime calde della ragazza sulla sua pelle equella sensazione lo disgustò.
I fili che la tenevano ferma si tesero e la maga urlò di dolore.
La pelle di Amir si ritirò, ed ella capì che stava per essere consumata come era accaduto agli elfi che avevano tentato di aiutarla.
Chiuse gli occhi, il viso reduce da un pianto straziato.
«Infine, trovo l'eterno riposo per mano di mio fratello», sussurrò, la voce tremante.

 BOOKTRAILER SECONDO VOLUME (Nithràl): https://www.youtube.com/watch?v=NNu5_4jQXuQ&t=18s



TERZO VOLUME:  
ETHÈRNAL in uscita ad Aprile 

BOOKTRAILER TERZO VOLUME (Ethèrnal): https://www.youtube.com/watch?v=7XgDGRmQTXo



Francesco Leo, nato a Magliano Sabina il 29 Giugno del 1992. Sin da piccolo si mostra interessato alle arti in genere, mostrando uno spiccato senso della creatività. Incantato dal cinema e dalla recitazione, si appassiona particolarmente al genere Fantasy. Con il trascorrere degli anni, altre passioni si aggiungono alla lista: videogiochi, lettura e programmazione. Trascorre i primi anni dell'infanzia a Civita Castellana, città del viterbese, per poi trasferirsi a Fabrica di Roma, poco distante dalla località precedente. Terminate le scuole medie, si iscrive all'Istituto Tecnico Industriale per apprendere le scienze informatiche, che da sempre lo avevano attratto. Subito dopo il primo anno, però, in seguito alla separazione dei suoi genitori, va a vivere con suo fratello a Siano, in provincia di Salerno, paese di origine del padre, che resta con loro. In quel periodo il suo carattere introverso lo porta a chiudersì in sè stesso, trovandosi solo in un posto nuovo e privo degli amici con cui aveva trascorso la sua adolescenza. Per questo motivo, inizia ad impegnare la monotonia delle giornate con la scrittura e la palestra. Superate le difficoltà iniziali, il ragazzo instaura nuove amicizie e sceglie di parlare con loro, oltre ai suoi genitori, di un romanzo di fantasia che aveva iniziato a scrivere. Basandosi su idee tratte da una storia che aveva scritto quando era più piccolo, il giovane è determinato a completare il romanzo, che successivamente verrà mostrato ad un' insegnante per una valutazione. Ottenuto un buon riscontro, Francesco comincia a pensare di fare un passo in più: tentare la pubblicazione del manoscritto. Così, per caso, entra a far parte di un gruppo di persone onlineche consta di diversi artisti autodidatta, tra cui molti scrittori che lo introducono al selfpublishing. Il selfpublishing si basa sulla creazione di un libro di cui lo stesso autore è responsabile di procurarsi una copertina, ingaggiare una campagna pubblicitaria e provvedere alla revisione dello stesso. Successivamente, lo scritto viene pubblicato online mediante diverse piattaforme a basso costo. In questo modo, un autore emergente può usufruire di un'ottima vetrina investendo somme di denaro non spropositate. Così, intenzionato a farsi conoscere dapprima online per poi sperare in un futuro sulla strada della scrittura, e supportato da familiari e amici, inizia il suo percorso da autore selfpublisher. Le carte in tavola cambiano quando una generosa offerta della casa editrice Edizioni Paguropropone di lasciar loro l'onere della pubblicazione. A quel punto, Francesco sceglie di limitare l'iniziale scelta del selfpublishing solo per il formato digitale (e-book) delle opere, affidandosi a Edizioni Paguro per quello cartaceo.

TRAILER DELL'ALBUM DI SOUNDTRACK ISPIRATO AL PRIMO VOLUME DELLA SAGA
ITA:
 https://www.youtube.com/watch?v=C6MwHEd4VjY&t=18s

Release Day Blitz + Recensione in anteprima Per sconfiggerti, Chiara Cilli


Felice release day a Chiara Cilli!
Esce oggi Per Sconfiggerti, sesto volume della serie dark contemporanea Blood Bonds, l'ultimo con protagonisti André Lamaze e Nadyia Volkov! Scorrete il post per i link d'acquisto, godetevi l'estratto e il booktrailer e partecipate al giveaway per vincere una copia autografata ❤


Titolo: Per Sconfiggerti
Serie: Blood Bonds #6
Genere: Dark Contemporary Romance
Pagine: 230
Editore: Selfpublished
Prezzo eBook: € 2.99
Prezzo cartaceo: € 9.90


Nella mia mente sento ancora il riverbero delle frustate.
Ogni giorno i segni sulla mia pelle mi ricordano quello che lui mi ha fatto.

Ho ucciso la donna che amo.
Ha ucciso il nostro amore.

L’ho vista diventare il mio avversario più pericoloso, e non ho fatto niente per impedirlo.
È diventato il mio nemico, e il mio cuore ha già iniziato a sanguinare.

Sta venendo per me.
Pagherà per ciò che ha fatto.

Vuoi la mia vita, piccola rossa?
Avrò il suo sangue.

Vieni a prenderla.


Questo romanzo contiene situazioni inquietanti, scene violente e omicidi. Non adatto a persone suscettibili ai temi trattati. +18


ACQUISTA ORA CON 1-CLICK

|| AmazonKoboiBooks • Google Play ||


Per Addestrarti
|| AmazonKoboiBooksGoogle Play ||

Per Combatterti
|| AmazonKoboiBooksGoogle Play ||


NON PERDERE I PRIMI TRE ROMANZI DELLA SERIE






«Avanti», mi esortò, lasciandosi ricadere contro la spalliera. «Chiedimelo.»
Socchiusi appena le palpebre. «Chiederti cosa?»
Lei tamburellò con le unghie di una mano sul bracciolo della sedia.
Solo una volta.
Solo per far sì che quel rumore inquietante si insinuasse nella mia mente.
«Chiedimi di risparmiarlo», disse in tono sibilante, gli occhi che danzavano come fiamme.
Serrai il pugno tanto forte da far sbiancare le nocche. Avevo sperato per lei che fosse stata saggia e avesse subito rimesso al guinzaglio la sua giovane killer, invece voleva consegnarle André.
Mai.
«Mio fratello non morirà», decretai, cupo.
La Regina fletté le dita, un muscolo pulsante all’angolo della mascella contratta. «André ha osato avvicinarsi di nuovo al mio soldato e ha deliberatamente interferito con l’incarico che le era stato assegnato.»
Mi accigliai. «Perché avrebbe dovuto fare una cosa così insulsa?»
«Perché, a quanto mi è stato riferito, la piccola Nadyia non aveva nessuna intenzione di portare a termine il lavoro.» Fece un mezzo sorriso perfido. «Credeva di poter tornare qui e diventare una sentinella.»
Ero certo che qualunque altra recluta avrebbe potuto, ma non la ragazza che era stata rovinata da mio fratello.
Non la ragazza che apparteneva a lui.
«André sapeva più che bene che, se lei fosse tornata senza aver avuto successo, l’avrei giustiziata.» La donna mi penetrò con lo sguardo. «Si è occupato del bersaglio al posto suo.»
Sgranai gli occhi, comprendendo finalmente il significato delle parole di mio fratello.
La Šarapova sollevò il mento, trionfante. «L’ha salvata da me.»
Consegnandosi a lei.
Sacrificandosi per la giovane che amava.
Ciononostante, c’era qualcosa che non tornava.
«André non è stupido», ringhiai. «Era perfettamente consapevole di dover stare alla larga da quella ragazza, per tenerla in vita. Lo aveva accettato. Aveva un nuovo obiettivo e niente, niente avrebbe potuto distrarlo. Perciò, come diavolo è possibile che le loro strade si siano incrociate?»
Neela si adombrò. «Il destino è una puttana senza cuore», mormorò, l’aria distante.
Riflettei accuratamente sulle informazioni che mi erano state fornite.
Sulla sentenza della Regina.
«La ragazza», dissi a bruciapelo. «Chi doveva assassinare?»
I suoi occhi guizzarono su di me, le sue labbra rosse si distesero malignamente. «Il figlio di Yehor Ivanov.»
L’ira mi immobilizzò. Come magma liquido, sgorgò nelle mie vene e si diffuse in tutto il corpo, bruciando e corrodendo e pressando affinché la scatenassi sulla donna che avevo di fronte.
«Tu sapevi», sibilai a denti stretti.
L’eccitazione balenò nel suo sguardo, mentre si infilava le dita sotto lo scollo a V della maglia nera di cotone e si accarezzava languidamente la clavicola.
Voleva che perdessi il controllo, voleva vedermi perderlo. Ma che fossi stato dannato, se le avessi dato quel piacere.
«Ho saputo che era legata a quella famiglia solo dopo averla acquistata e aver fatto fare ulteriori ricerche su di lei.» Sorrise, gongolante. «Ti consiglio di non soffermarti solo sull’albero genealogico della tua merce, quando te la procuri.»
Trattenendomi dall’avventarmi su di lei, la seguii con gli occhi fiammeggianti di rabbia mentre si alzava e si girava verso il mobile dietro di sé. Su di esso, insieme a un antico e pregiato pugnale su un supporto di pietra, c’erano una caraffa di bronzo e due calici della stessa fattura. La Regina versò il vino rosso nei due bicchieri, li prese e venne a porgermene uno.
«Siamo tutti legati, in un modo o nell’altro», disse con voce suadente.
La punta delle sue dita sfiorò le mie, mentre prendevo il calice, e fremetti per il disgusto e la smania di assalirla.
Lei fece un sorrisino. «Questo Marc», riprese tornando a sedersi, «era il fidanzato della mia Nadyia.» Si portò il vino alle labbra, osservandomi da sopra il bordo del bicchiere. «E André l’ha ammazzato proprio davanti a lei.»
Bevve, poi con il dito medio si asciugò una goccia vermiglia all’angolo della bocca, prima che le colasse sul mento. Il suo sguardo pareva volermi entrare dentro e consumarmi, tanto era intenso.
Letale.
«Nadyia avrà la sua vita», dichiarò solenne.
La fissai, l’espressione omicida e perspicace. «Non l’avrà», asserii. «Perché tu la fermerai.»
Neela emise una risata di gola. «Perché dovrei?»




  Sto scrivendo questa recensione a caldo, un’ora dopo aver terminato la lettura di “Per sconfiggerti”, quindi scusatemi se vi sembrerò un po’ ubriaca, nelle parole. Già, ubriaca è il termine giusto, perché anche stavolta Chiara ha fatto centro, mi ha riempito più volte il bicchiere di sensazioni – il primo di sofferenza, il secondo di speranza, il terzo di fratellanza, il quarto di amore, il quinto di dolore- e con quel mix letale mi ha fatto totalmente perdere il controllo.

Ho letto l’ultimo capitolo della trilogia di Nadya e André in due ore, non sono riuscita a staccarmi prima. Qualcuno a casa mi ha detto che sembravo fossi entrata in trance, ma ho a stento sentito e ho continuato a leggere, a soffrire, a sperare, ad emozionarmi fino all’ultima pagina. Una lettura continua, questo richiedeva, ed io ho rispettato il ritmo della storia, che incalzava pagina dopo pagina.

Avevo già capito dall’inizio della loro storia che sarebbe stata diversa, che sarebbe stata bella e tormentata, sofferente e intensa, ma mai avrei pensato arrivasse a questi livelli, in cui l’uno si intreccia all’altra, fino a sfociare nel grande finale. Non so che dire, davvero. Sono rimasta senza parole. Se ho sofferto con loro? Sì. Se mi ha strappato il cuore dal petto? Sì. Ma giuro, lettori, ne è valsa la pena. Arrivare alla fine del libro con le lacrime agli occhi ma comunque in grado di capire e soprattutto comprendere ogni cosa fatta e accaduta, mi ha accertato ancora una volta la bravura di quest’autrice. Ciao Chiara, non ce l’ho con te, te lo giuro. Almeno non più da almeno mezz’ora, dopo aver fatto i miei ragionamenti e tratto le conclusioni. Non posso parlare molto, quello che posso dire è che il sentimento tra i due protagonisti non è scemato nemmeno per un minuto, nemmeno nei momenti più bui, nemmeno quando Nadya veniva offuscata dalle tenebre.  E André? Ragazze, forse più volte è stato spietato, ma in questo libro ha dimostrato la sua vera natura: il suo cuore grande che dimostra amore incondizionato. Ho amato anche che ci fosse più bromance, anzi, è stato uno dei punti forti. I loro punti di vista hanno aperto spiragli e frammenti di vita prima solo intravisti.

Il finale mi ha spiazzata completamente, su un piano e un altro. E mi costa ammetterlo, ma questa trilogia ha avuto la sua degna conclusione. Concordo pienamente poi con Chiara in una certa parte dei ringraziamenti finali che avrete modo di leggere –lei capirà subito-: essendo anche io un’autrice, so cosa significa restare inerti davanti alla impetuosità dei personaggi e delle loro storie che si scrivono praticamente da sole, così come loro vogliono.

Con questa fine, hai spalancato un nuovo mondo, e lo hai fatto in modo magnifico. E’ grazie agli eventi di “Per sconfiggerti” che scenderemo in battaglia anche noi lettori, per una causa più che giusta.

Voglio dirti grazie, Chiara, perché mi hai donato un vulcano di emozioni e mi hai trascinato a Verès con i protagonisti, permettendomi di restare nell’ombra a vivere con loro tutto quello che una persona è in grado di dare, e di togliere.

Aspetto con trepidazione Armand, sono sicura che non mi deluderai.

Voto:



GRAPHIC TEASER



GUARDA IL BOOKTRAILER
COMING SOON!


PARTECIPA AL GIVEAWAY


L'AUTRICE

Nata il 24 gennaio 1991, Chiara Cilli vive a Pescara. I generi di cui scrive spaziano dal Dark Fantasy e Dark contemporaneo all’Erotic Suspense. Ama le storie d'amore intense e tragiche, con personaggi oscuri, deviati e complicati.

|| FacebookTwitterWebsiteGoodreadsAmazonPinterestInstagramGoogle+YouTubeNewsletter ||